Title

Non Confesso, Dunque Sono. Il Divo di Paolo Sorrentino

Document Type

Book Chapter

Publication Date

2011

Department

Italian

Language

Italian

Publication Title

Strane Storie: Il Cinema e i Misteri d'Italia

Abstract

In Petrolio, il romanzo incompiuto pubblicato postumo nel 1992, Pasolini ammette la sua "totale disperante inesperienza di ogni ambiente che si collochi nello spazio sfera del potere" e la sua incapacità di "immaginare la strada, l'edificio, l'appartamento" dove ha luogo l'incontro degli uomini "di un certo giro del potere". Sceglie perciò di adottare lo stile dell' "apparizione" e di mettere in scena i tipi umani che con il potere sono sistematicamente collusi, come il "capo-sicario". Ne risulta una grottesca descrizione dell' "uomo politico", dei suoi simili e della loro etica:

Cera anche un uomo politico - era ministro da dieci anni e poi lo sarebbe stato per altri quindici - seduto su una poltroncina rossa con un viso tondo di gatto ritratto tra le spalle, come non avesse collo o fosse un po' rachitico: la fronte grossa di intellettuale era in contrasto col suo sorriso furbo, che aveva qualcosa di indecente: voleva cioè manifestare, con furberia e degradazione, la coscienza della propria furberia e degradazione. Del resto il sentimento della vita intesa come "gioco" o "scommessa" da perdere o da vincere, e quindi tutta fondata sull'azione e sul comportamento, se in lui aveva il suo campione reale, era un modello di vita che più o meno inconsciamente, era seguito da tutti, in quel ricevimento, compresi coloro che ne ridevano, magari presuntuosamente (per esempio dalle colonne de "L'espresso").

Comments

For more information on the published version, visit Rubbettino Editore's Website.

Full text currently unavailable.

COinS