Title

Per Una Lettura Diasporica Della Narrativa di Rossana Campo

Document Type

Article

Publication Date

Summer 2007

Department

Italian

Language

Italian

Publication Title

Italica

Abstract

In questo saggio mi propongo di esaminare l'opera narrativa di Rossana Campo in una prospettiva diasporica. La parola diaspora deriva dal greco diaspéirein, verbo che significa "seminare qua e là." Sebbene attraverso i secoli il termine abbia gradualmente assunto una connotazione luttuosa, secondo la quale il soggetto diasporico sarebbe sempre la vittima di un forzato allontanamento da una terra originaria, a cui tende disperatamente a ritornare, nel discorso critico contemporaneo si tende invece ad una rivalutazione della complessità del concetto di diaspora, anche in senso più positivo. Come ci ricorda Robin Cohen, autore del libro Global Diasporas, il termine venne usato probabilmente per la prima volta per definire la diffusione della cultura greca attraverso il bacino mediterraneo, con la conseguente fondazione delle colonie della Magna Grecia. Niente di più lontano dalla interpretazione vittimistica della diaspora a cui siamo abituati. Inoltre, per quanto la nostalgia della patria d'origine sia un elemento importante nella definizione di diaspora, il soggetto diasporico non può essere semplicemente definito come chi guarda indietro ad una terra più o meno mitica a cui intende ritornare. Il mito del ritorno è decisamente rifiutato dal critico inglese di origine caraibica Stuart Hall, nel suo saggio "Cultural Identity and Diaspora." Secondo Hall l'identità del popolo caraibico non va pensata in senso "archeologico" come semplice riscoperta di radici africane, ma in senso "produttivo", cioè come processo per mezzo del quale il soggetto si costruisce e si modifica costantemente, attraverso il dialogo spesso conflittuale con altre culture e spostamenti continui, sia in senso geografico che linguistico.

Comments

Published as:
Pagano, Tullio. "Per Una Lettura Diasporica Della Narrativa di Rossana Campo." Italica, 84, no. 2-3 (2007): 274-89.

For more information on the published version, visit American Association of Teachers of Italian's Website.

Full text currently unavailable.

Share

COinS